GERMANIA: Amburgo, Brema, ecc... (Febbraio 2010)
AMBURGO (Amburgo), BREMA (Brema) e
LUBECCA (Schleswig-Holstein) (dal 23 al 27 Febbraio 2010)

Entra nella home page

Mappa della metropolitana di Amburgo
Foto di Amburgo
AMBURGO: davanti alla stazione dei treni
Cartina politica della Germania

Mappa del centro di Amburgo
 
Vai alle note politiche e geografiche della Germania
Sono partito per il Nord della Germania in un'uggiosa giornata di febbraio, con un volo in partenza dall'aeroporto Orio al Serio di Bergamo, la cui destinazione era l'aeroporto di Amburgo Lubecca (Hamburg Lübeck). Tale aeroporto, che ufficialmente sarebbe più vicino alla città di Lubecca, per convenzione appartiene ad Amburgo (il nome autentico ed intero in tedesco è Flughafen Lübeck Blankensee). Andata e ritorno compiuti con la compagnia aerea irlandese "Ryanair"; il volo dura suppergiù un paio d'ore. Poco prima di atterrare si vedeva dall'alto la campagna tedesca tutta bianca, a causa della neve, sintomo di quanto picchi duro l'inverno in Germania. L'aeroporto in cui sono sbarcato si trova a nord-est di Amburgo e dista dal centro città all'incirca una cinquantina di chilometri, mentre dal centro di Lubecca dista soltanto otto chilometri in direzione sud. Ovviamente Amburgo possiede anche un altro aeroporto internazionale, ben più grande e servito (l'aeroporto di Amburgo Fuhlsbüttel). Dall'aerostazione di Amburgo Lubecca vi è un regolare servizio di autobus che porta in entrambe le città; io ho raggiunto il centro di Amburgo in poco meno di un'ora (il costo del biglietto è di circa 10 Euro a corsa). Il miglior mezzo pubblico tramite il quale è possibile spostarsi in Amburgo è la metropolitana. Con essa si arriva nei punti più strategici della città, oltre al fatto che le stazioni sono di recente fattura. Le linee della metropolitana sono divise in S-Bahn e U-Bahn, la U-Bahn è più scorrevole e la linea U3, ossia la gialla, è quella che copre maggiormente il centro cittadino. Pure i bus urbani sono un'ottima scelta, poiché sono numerosi e assai frequenti. Il costo dell'abbonamento giornaliero ai mezzi pubblici è di circa 6,50 Euro e si può acquistare direttamente nei distributori automatici presenti nelle stazioni della metro. Amburgo è la seconda città per estensione della Germania dopo Berlino, oltre ad essere una fra le più importanti città anseatiche; l'aggettivo anseatica deriva dalla Lega Anseatica, alleanza per gli scambi commerciali, formatasi nel tardo Medioevo fra varie città dell'Europa Settentrionale e affacciate sul Mar Baltico. Con più di un milione e settecentomila abitanti Amburgo è la seconda più popolosa città non capitale dopo Istanbul, ed è anche la seconda più grande città portuale dell'Unione Europea dopo Rotterdam. Amburgo venne praticamente rasa al suolo durante la Seconda Guerra Mondiale; oggi si presenta come una moderna città portuale, con un'intensa vita sociale. La città sorge sulle rive del fiume Elba e seppur in certe zone sia abbastanza sterile e quadrata, offre comunque parecchie cose da vedere. C'è il Municipio con la sua spaziosa piazza (Rathaus in tedesco, costruito in stile neorinascimentale tra il 1886 ed il 1897 con la torre centrale alta ben centododici metri, mentre la piazza si chiama Rathausmarkt in tedesco), il Monumento a Bismarck, la Chiesa di San Pietro (in tedesco Hauptkirche Sankt Petri, o soltanto St. Petri Kirche, che praticamente si staglia quasi davanti al Municipio), la Chiesa di San Michele (in tedesco Hauptkirche Sankt Michaelis, o soltanto St. Michaelis, chiesa luterana in stile barocco, divenuta uno dei simboli di Amburgo grazie anche alla sua celebre torre campanaria), la Chiesa di San Nicola (St. Nikolai Kirche in tedesco, che, grazie ai centoquarantasette metri del suo campanile fu la costruzione più alta al mondo tra il 1874 ed il 1876), il Porto, la Speicherstadt (un insieme di edifici bruni e magazzini che si protendono lungo i canali del centro e in prossimità del porto), la Kunsthalle (il più museo di arte moderna e contemporanea di Amburgo), l'Holthusenbad (edificio in Goernestrasse dentro al quale c'è un centro benessere con piscine), la Torre dell'Acqua (Wasserturm in tedesco, nelle vicinanze della fermata della metro Sternschanze, in mezzo all'area dei parchi), l'Edificio Spiegel TV e altro ancora. Dal Municipio partono le strade con il maggior numero di negozi, magazzini e boutique della città, esse sono: Mönckebergstrasse da una parte e Grosse Johannisstrasse dall'altra. In Mönckebergstrasse si trova uno fra i maggiori store di Amburgo è il Karstadt, dentro al quale si trova ogni cosa. Sempre lungo Mönckebergstrasse si incontra Gerhart-Hauptmann-Platz, piazza dalla quale si accede al Lago Alster, Aussenalster. Ma ci sono anche da ricordare la vie parallela a Mönckebergstrasse, ossia Domstrasse e Speersort, ove non manca certo la vivacità metropolitana, senza dimenticare Rathausstrasse. Non bisogna tralasciare neppure il quartiere di St. Pauli, affacciato direttamente sull'Elba, a pochi passi dal Porto. Qui si concentra tutta la vita notturna della città, poiché vi è anche la tanto vociferata Reeperbahn, la famosa via a luci rosse della città. Sulla Reeperbahn ci sono alcuni negozi, alcuni casinò e similari, locali con donne che si esibiscono dal vivo ed in cui è meglio non entrare per evitare di essere spennati, prostitute (al calar delle tenebre) e un pizzico di desolazione. Infatti, vedere così tante ragazze che cercano di adescare i clienti per strada e così tanti locali con gioco d'azzardo e sesso, non è certo il massimo, anzi è piuttosto squallido. La Reeperbahn è in ultima analisi uno stancante susseguirsi di sexy shop, locali con striptease, night club, sexy club e prostituzione. Per chi volesse un divertimento meno maniacale vi sono comunque normali locali notturni (in alcuni dei quali si può assistere anche a concerti dal vivo) e normali discoteche per ballare. Le attrazioni monumentali principali di Amburgo si trovano nella fascia più centrale della città e non sono distantissime le une dalle altre, per cui in giornata è possibile vedere tutto bene (anche a piedi volendo). Per esempio, partendo da St. Pauli, si può tranquillamente raggiungere la piazza in cui sorge il Municipio a piedi, passando davanti al Monumento a Bismarck e alla Chiesa di San Michele, così come ho fatto io il primo giorno. Il Municipio ha l'omonima fermata della metropolitana (cioè si scende alla stazione di Rathaus), così come ci sono le stazioni di St. Pauli, Reeperbahn, eccetera, insomma tutti i maggiori luoghi di interessi della città sono facilmente accessibili. Se si volesse giungere in metropolitana direttamente al Porto basta scendere alla fermata di Landungsbrücken, mentre per la cittadina portuale Speicherstadt la fermata è quella successiva a quella del Porto, vale a dire Baumwall. Invece se si volesse arrivare fino alla Holthusenbad con la metro, è sufficiente scendere alla fermata Kellinghusenstrasse, mentre per il Museum für Kunst und Gewerbe e la Kunsthalle la fermata è Hauptbahnhof Süd (dalla parte della stazione dei bus, ossia la stessa area dalla quale si parte per raggiungere l'aerostazione di Amburgo Lubecca). Inoltre per l'Edificio Spiegel TV la fermata della metropolitana è Messberg. Nel secondo giorno mi sono recato in treno a Brema, con partenza dalla Stazione Centrale di Amburgo (Hauptbahnhof), stazione ferroviaria moderna e ben servita, enorme e fornita di qualsivoglia comodità. I treni con cui si viaggia sono efficienti, puntuali, puliti e all'avanguardia (di ultima generazione), il prezzo complessivo di andata e di ritorno da Amburgo a Brema e viceversa è stato di 22 Euro, mentre il tragitto dura all'incirca un'ora e un quarto a tratta. Durante il viaggio per Brema ho visto tutta la campagna tedesca bianca, infatti stava nevicando leggermente; la neve però mi è sembrata diversa rispetto a quella che normalmente cade da noi, cioè ha una consistenza differente, è più soffice e friabile, è meno bagnata e a terra lascia meno paciugo (probabilmente perché in Germania nevica spesso e così non dà il tempo alla neve precedente di sporcasi più di tanto e di sciogliersi in acqua). Appena si arriva a Brema, per dirigersi verso il centro basta prendere la Bahnhofstrasse. A questo punto, dopo aver superato un piacevole parco con laghetto annesso, si prosegue verso il Duomo (St. Petri Dom). Il Duomo di Brema, che spicca grazie ai suoi due alti campanili verdi, è la cattedrale della città, cioè la chiesa più importante della città: fu eretto nel 1043 in pietra arenaria sul luogo di una preesistente chiesa in legno e venne seriamente danneggiato durante il secondo conflitto mondiale. Oltre al Duomo, troviamo il Municipio (Bremer Rathaus) con la Statua di Rolando (Bremer Roland), che dominano la Piazza del Mercato (Marktplatz) e che sono anche dichiarati dall'UNESCO patrimonio dell'umanità. Il Municipio di Brema è uno fra i più storici edifici della città, sicuramente il più insigne di Piazza del Mercato, fu costruito in stile gotico tra il 1405 e il 1409, con l'aggiunta della facciata progettata dall'architetto Lüder von Bentheim in stile tardo-rinascimentale (precisamente secondo le linee guida dello stile Rinascimento del Weser). All'esterno del Municipio si trova la celeberrima Statua dei Musicanti di Brema che raffigura dall'alto verso il basso, un gallo, un gatto, un cane e un asino e che venne realizzata dallo scultore tedesco Gerhardt Marcks nel 1961, ispirandosi alla fiaba dei fratelli Grimm. La Statua di Rolando è una gigantesca statua raffigurante il paladino Rolando od Orlando, posta in mezzo alla piazza principale di Brema, simboleggia la libertà e la giustizia e risale al 1404. Un altra chiesa significativa di Brema e dal campanile aguzzo è la Liebfrauenkirche, praticamente attaccata alla Piazza del Mercato. Dalla Piazza del Mercato, praticamente dalla parte opposta rispetto al Municipio, inizia il borgo antico di Brema, a cui si accede tramite la Böttcherstrasse. Il borgo antico, fatto di vie strette con edifici di colore marrone e rossiccio in laterizio, è pieno di negozietti che fanno bella figura di sé ai piedi dei palazzi o in mezzo ai piccoli portici. Invece procedendo nella direzione opposta rispetto al borgo antico, ma transitando sempre dalla Piazza del Mercato, è possibile spingersi fino in Sögestrasse. Essa è una via lunghissima di Brema, rappresenta la parte più moderna della città, essendo il principale corso commerciale. Qui ci sono i principali negozi, le grandi catene internazionali, numerosi megastore e centri commerciali. Sögestrasse non è soltanto la strada più moderna e di tendenza del nucleo urbano, infatti è molto di più: è una città nella città, infatti ad un certo punto prosegue con una lunga parte coperta da un'avveniristica galleria in vetro e acciaio, dentro la quale sono presenti numerosi punti di ristorazione, fast food e così via. Fra i più vasti centri commerciali di Brema, va menzionata la Galeria Kaufhof. Infine si può aggiungere che Brema è situata sulle rive del fiume Weser, a circa sessanta chilometri dal punto in cui esso sfocia nel Mare del Nord e che tutto il quartiere, o meglio il distretto urbano, nel quale è racchiuso il centro di Brema, si chiama Mitte. Il quarto giorno, ultimo di permanenza, prima del ritorno dell'indomani, ho deciso di recarmi a Lubecca. Sono partito sempre con il treno dalla stazione ferroviaria di Amburgo, spendendo più meno la stessa cifra di quando avevo visitato Brema (circa 22 Euro andata e ritorno). Il viaggio dura suppergiù un'ora; appena si arriva alla stazione ferroviaria di Lubecca, per raggiungere il centro, basta prendere la direzione delle guglie delle chiese che sbucano all'orizzonte, lontane soltanto qualche centinaio di metri dal proprio sguardo. Lubecca è senz'altro la più bella città del Nord della Germania, riconosciuta come patrimonio dell'umanità dall'UNESCO, con veramente molti monumenti da visitare. Nonostante i suoi duecentodieci mila abitanti, è un autentico gioiellino, è la classica cittadina artistica, nella quale serpeggia quiete e fascino d'altri tempi, completamente diversa dalla grande e piuttosto rumorosa Amburgo. Per farsi un'idea della città basta una mezza giornata, poiché è tutto piuttosto raggruppato. Tanto per fare un elenco di tutto ciò che ho visto, provo a mettere insieme una lista dei maggiori monumenti presenti: l'Holstentor (la più famosa fra le porte medievali di Lubecca, esempio del Gotico baltico), la possente chiesa di St. Petri (o St. Petrikirche, o St. Peter's Church, come si preferisce) con il suo altissimo campanile, la Piazza del Mercato (Marktplatz, o Markttwiete, o soltanto Markt, dove sorge il Municipio e dalla quale si osserva la chiesa di St. Marien), la chiesa di St. Marien (o Marienkirche, o St. Mary's Church, come si preferisce) con i suoi due campanili identici, il Municipio (Rathaus) eretto tra il 1230 e il XVI secolo è uno dei più antichi municipi di tutta la Germania, Breite Strasse (il corso principale della città che sfila alle spalle della Piazza del Mercato), la chiesa di St. Jakobi (o Jakobikirche, o St. Jacob's Church, come si preferisce) visibile da Breite Strasse, l'Heiligen Geist Hospital (o soltanto Hl. Geist Hospital, di fianco alla chiesa di St. Jakobi) l'edificio in laterizio fondato dai commercianti di Lubecca nel 1280 a favore dei bisognosi e dei malati, dotato di cinque piccole torri, la chiesa di St. Katharinen (o Katharinenkirche, o St. Catherine's Church, come si preferisce), le casette colorate di Glockengiesserstrasse (via di fianco alla precedente chiesa, cioè St. Katharinen), tutte le strade che girano attorno alla Piazza del Mercato ed infine il Duomo di Lubecca (Lübecker Dom, che si trova in mezzo agli alberi di un ordinato angolo verde della città, tra le vie Mühlendamm, Musterbahn, Domkirchhof ed il Museum für Natur und Umwelt), innalzato in stile gotico tra il 1230 ed il 1335, venne semidistrutto durante i bombardamenti della Seconda Guerra Mondiale nel 1942, per poi essere definitivamente restaurato e riportato all'antico splendore solamente nel 1982. Ho soggiornato presso l'"Hotel A&O Hamburg Reeperbahn" di Amburgo.
Il clima è stato freddo ma non glaciale, anche se, soprattutto ad Amburgo, c'era ancora molto ghiaccio per terra e nei canali; infatti stavano iniziando a sciogliersi i corsi d'acqua in quei giorni, poiché le temperature cominciavano gradualmente a salire con punte massime vicine anche ai 10 gradi. C'è da sottolineare una cosa: nella fascia di Amburgo e periferie varie, così come a Brema e a Lubecca, neve e ghiaccio non vengono assolutamente tolti dai marciapiedi e dalle strade, infatti tutto si trasforma in una lamina di ghiaccio resistente, formando dei tremendi crostoni. Ho capito che nevica spesso durante l'inverno e che, dovrebbero ogni momento spalare neve, però non è nemmeno ammissibile rischiare ogni volta di cadere e spaccarsi una gamba, per cui è meglio non protestare più quando nevica da noi, dicendo che non vengono immediatamente a pulire le strade, poiché prima o dopo lo faranno e comunque sarà sempre meglio di queste città tedesche. In conclusione, dopo una veloce disanima: Amburgo è abbastanza carina, ma comunque nulla di speciale, è una città sostanzialmente moderna e dalla mentalità aperta e cosmopolita, anche se la sua architettura denota la rigorosità teutonica; invece Brema e Lubecca sono decisamente più piacevoli da visitare sotto il piano monumentale, sono due scrigni dentro ai quali si racchiudono armonia ed eleganza di forme. Per quanto riguarda la successione cronologica dei miei spostamenti: il giorno 23 Febbraio 2010 ho visitato Amburgo, il giorno 24 Febbraio 2010 ho visitato Brema, il giorno 25 Febbraio 2010 ho di nuovo visitato Amburgo ed il giorno 26 Febbraio 2010 ho visitato Lubecca.

Le città anseatiche del Nord della Germania
Guarda le foto di Amburgo           Guarda le foto di Brema           Guarda le foto di Lubecca
Guarda le foto di Amburgo / Guarda le foto di Brema / Guarda le foto di Lubecca


GERMANIA, diario di viaggio di Amburgo - Brema - Lubecca

    Per ritornare nella pagina iniziale, clicca: INDEX PAGE



LINKS UTILI

Sito ufficiale della città di Amburgo, in lingua tedesca ed inglese: HAMBURG
Portale ufficiale del turismo ad Amburgo: TURISMO AMBURGO
Sito ufficiale della città di Brema, in lingua tedesca: BREMEN
Portale ufficiale del turismo a Brema: TURISMO BREMA
Sito ufficiale della città di Lubecca: LUBECCA
Portale ufficiale del turismo a Lubecca: TURISMO LUBECCA
La compagnia aerea a basso costo: RYANAIR